Scipione di Castro e il suo trattato politico. Testo critico e traduzione inglese inedita del Seicento. / Testa, Simone.

Manziana (Roma) : Vecchiarelli Editore, 2012. 203 p. (Cinquecento).

Research output: Book/ReportBook

Published

Standard

Scipione di Castro e il suo trattato politico. Testo critico e traduzione inglese inedita del Seicento. / Testa, Simone.

Manziana (Roma) : Vecchiarelli Editore, 2012. 203 p. (Cinquecento).

Research output: Book/ReportBook

Harvard

APA

Vancouver

Author

BibTeX

@book{7d4f1b6bbc6d4f2ba7ca2f56c05f6ddb,
title = "Scipione di Castro e il suo trattato politico.: Testo critico e traduzione inglese inedita del Seicento",
abstract = "Scipione Di Castro, noto faccendiere del Cinquecento, vest{\`i} l{\textquoteright}abito agostiniano, frequento' membri dell'Accademia dei Fenici di Milano, e fu poi una spia, un cortigiano, un consigliere di Papa Gregorio XIII per le politiche idrauliche. Arrestato dall{\textquoteright}Inquisizione con l{\textquoteright}accusa di luteranesimo, fu rilasciato ma costretto a indossare nuovamente l{\textquoteright}abito ecclesiastico. Entr{\`o} allora nella cerchia dei consiglieri politici del figlio del papa, il duca Giacomo Boncompagni, e scrisse avvertimenti e relazioni per politici di alto rango. Il trattato Delli fondamenti dello stato {\`e} il pi{\`u} importante dei suoi scritti teorici. Bench{\'e} mai portato a termine, fu compreso insieme a altre scritture dello stesso Di Castro nell{\textquoteright}editio princeps del Thesoro politico (1589), ebbe ampia circolazione a stampa e manoscritta e fu tradotto in francese, latino, spagnolo e inglese. Affiancato ai protagonisti del dibattito politico cinquecentesco – Machiavelli, Guicciardini e Botero –, il messaggio del Di Castro teorico si rivela non del tutto passivo; segnato da un temperato machiavellismo, attesta un{\textquoteright}attenzione particolare alla storia contemporanea, documenta un ricorso pieno alla teoria degli umori e al determinismo climatico e pone il problema della questione morale in politica. In questo studio oltre a dar conto dello stato testuale del trattato si ripercorre la vita dell{\textquoteright}autore e si ricostruiscono sia le vicende della critica delle sue idee politiche sia il contesto intellettuale in cui il pensiero e l{\textquoteright}opera trovano la loro ragion d{\textquoteright}essere. L{\textquoteright}Appendice fa luce sulla circolazione del Thesoro politico in Inghilterra e riporta la traduzione inglese del trattato che, manoscritta e anonima, {\`e} conservata a Oxford.",
author = "Simone Testa",
year = "2012",
month = feb,
language = "English",
isbn = "978-88-8247-308-2",
series = "Cinquecento",
publisher = "Vecchiarelli Editore",

}

RIS

TY - BOOK

T1 - Scipione di Castro e il suo trattato politico.

T2 - Testo critico e traduzione inglese inedita del Seicento

AU - Testa, Simone

PY - 2012/2

Y1 - 2012/2

N2 - Scipione Di Castro, noto faccendiere del Cinquecento, vestì l’abito agostiniano, frequento' membri dell'Accademia dei Fenici di Milano, e fu poi una spia, un cortigiano, un consigliere di Papa Gregorio XIII per le politiche idrauliche. Arrestato dall’Inquisizione con l’accusa di luteranesimo, fu rilasciato ma costretto a indossare nuovamente l’abito ecclesiastico. Entrò allora nella cerchia dei consiglieri politici del figlio del papa, il duca Giacomo Boncompagni, e scrisse avvertimenti e relazioni per politici di alto rango. Il trattato Delli fondamenti dello stato è il più importante dei suoi scritti teorici. Benché mai portato a termine, fu compreso insieme a altre scritture dello stesso Di Castro nell’editio princeps del Thesoro politico (1589), ebbe ampia circolazione a stampa e manoscritta e fu tradotto in francese, latino, spagnolo e inglese. Affiancato ai protagonisti del dibattito politico cinquecentesco – Machiavelli, Guicciardini e Botero –, il messaggio del Di Castro teorico si rivela non del tutto passivo; segnato da un temperato machiavellismo, attesta un’attenzione particolare alla storia contemporanea, documenta un ricorso pieno alla teoria degli umori e al determinismo climatico e pone il problema della questione morale in politica. In questo studio oltre a dar conto dello stato testuale del trattato si ripercorre la vita dell’autore e si ricostruiscono sia le vicende della critica delle sue idee politiche sia il contesto intellettuale in cui il pensiero e l’opera trovano la loro ragion d’essere. L’Appendice fa luce sulla circolazione del Thesoro politico in Inghilterra e riporta la traduzione inglese del trattato che, manoscritta e anonima, è conservata a Oxford.

AB - Scipione Di Castro, noto faccendiere del Cinquecento, vestì l’abito agostiniano, frequento' membri dell'Accademia dei Fenici di Milano, e fu poi una spia, un cortigiano, un consigliere di Papa Gregorio XIII per le politiche idrauliche. Arrestato dall’Inquisizione con l’accusa di luteranesimo, fu rilasciato ma costretto a indossare nuovamente l’abito ecclesiastico. Entrò allora nella cerchia dei consiglieri politici del figlio del papa, il duca Giacomo Boncompagni, e scrisse avvertimenti e relazioni per politici di alto rango. Il trattato Delli fondamenti dello stato è il più importante dei suoi scritti teorici. Benché mai portato a termine, fu compreso insieme a altre scritture dello stesso Di Castro nell’editio princeps del Thesoro politico (1589), ebbe ampia circolazione a stampa e manoscritta e fu tradotto in francese, latino, spagnolo e inglese. Affiancato ai protagonisti del dibattito politico cinquecentesco – Machiavelli, Guicciardini e Botero –, il messaggio del Di Castro teorico si rivela non del tutto passivo; segnato da un temperato machiavellismo, attesta un’attenzione particolare alla storia contemporanea, documenta un ricorso pieno alla teoria degli umori e al determinismo climatico e pone il problema della questione morale in politica. In questo studio oltre a dar conto dello stato testuale del trattato si ripercorre la vita dell’autore e si ricostruiscono sia le vicende della critica delle sue idee politiche sia il contesto intellettuale in cui il pensiero e l’opera trovano la loro ragion d’essere. L’Appendice fa luce sulla circolazione del Thesoro politico in Inghilterra e riporta la traduzione inglese del trattato che, manoscritta e anonima, è conservata a Oxford.

M3 - Book

SN - 978-88-8247-308-2

T3 - Cinquecento

BT - Scipione di Castro e il suo trattato politico.

PB - Vecchiarelli Editore

CY - Manziana (Roma)

ER -