La fine di Bisanzio. / Harris, Jonathan; Terlizzi, Francesco (Translator).

Bologna : Il Mulino, 2013. 303 p.

Research output: Book/ReportBook

Published

Standard

La fine di Bisanzio. / Harris, Jonathan; Terlizzi, Francesco (Translator).

Bologna : Il Mulino, 2013. 303 p.

Research output: Book/ReportBook

Harvard

APA

Vancouver

Harris J, Terlizzi F. La fine di Bisanzio. Bologna: Il Mulino, 2013. 303 p.

Author

Harris, Jonathan ; Terlizzi, Francesco. / La fine di Bisanzio. Bologna : Il Mulino, 2013. 303 p.

BibTeX

@book{e27196e99e144117aaa51ec4ef04df8f,
title = "La fine di Bisanzio",
abstract = "Il 29 maggio 1453, dopo un lungo assedio, gli Ottomani guidati dal sultano Maometto II espugnavano Costantinopoli. Finiva, dopo undici secoli di storia, l'impero bizantino. Ma da cinquant'anni almeno Bisanzio era un impero fantasma, ridotto a pochi brandelli di territorio: Costantinopoli, Tessalonica, il Peloponneso. Questi drammatici decenni terminali sono raccontati nel nuovo libro di Harris secondo una prospettiva originale: non fu gi{\`a} per i bizantini uno scontro di cristianesimo e islam, una battaglia per la fede, ma un meno eroico e pi{\`u} umano affannarsi per salvare se stessi che guid{\`o} i comportamenti degli ultimi bizantini, dei governanti come dei semplici individui. Dalle cronache, dalle lettere, dai racconti dei viaggiatori, dai documenti d'archivio Harris fa rivivere dal di dentro l'agonia e la morte di Bisanzio, seguendo poi attraverso il destino dei tanti rifugiati anche i profondi effetti che quell'evento ebbe sulla cultura europea.",
author = "Jonathan Harris and Francesco Terlizzi",
year = "2013",
month = jan,
language = "Italian",
isbn = "9788815240477",
publisher = "Il Mulino",

}

RIS

TY - BOOK

T1 - La fine di Bisanzio

AU - Harris, Jonathan

A2 - Terlizzi, Francesco

PY - 2013/1

Y1 - 2013/1

N2 - Il 29 maggio 1453, dopo un lungo assedio, gli Ottomani guidati dal sultano Maometto II espugnavano Costantinopoli. Finiva, dopo undici secoli di storia, l'impero bizantino. Ma da cinquant'anni almeno Bisanzio era un impero fantasma, ridotto a pochi brandelli di territorio: Costantinopoli, Tessalonica, il Peloponneso. Questi drammatici decenni terminali sono raccontati nel nuovo libro di Harris secondo una prospettiva originale: non fu già per i bizantini uno scontro di cristianesimo e islam, una battaglia per la fede, ma un meno eroico e più umano affannarsi per salvare se stessi che guidò i comportamenti degli ultimi bizantini, dei governanti come dei semplici individui. Dalle cronache, dalle lettere, dai racconti dei viaggiatori, dai documenti d'archivio Harris fa rivivere dal di dentro l'agonia e la morte di Bisanzio, seguendo poi attraverso il destino dei tanti rifugiati anche i profondi effetti che quell'evento ebbe sulla cultura europea.

AB - Il 29 maggio 1453, dopo un lungo assedio, gli Ottomani guidati dal sultano Maometto II espugnavano Costantinopoli. Finiva, dopo undici secoli di storia, l'impero bizantino. Ma da cinquant'anni almeno Bisanzio era un impero fantasma, ridotto a pochi brandelli di territorio: Costantinopoli, Tessalonica, il Peloponneso. Questi drammatici decenni terminali sono raccontati nel nuovo libro di Harris secondo una prospettiva originale: non fu già per i bizantini uno scontro di cristianesimo e islam, una battaglia per la fede, ma un meno eroico e più umano affannarsi per salvare se stessi che guidò i comportamenti degli ultimi bizantini, dei governanti come dei semplici individui. Dalle cronache, dalle lettere, dai racconti dei viaggiatori, dai documenti d'archivio Harris fa rivivere dal di dentro l'agonia e la morte di Bisanzio, seguendo poi attraverso il destino dei tanti rifugiati anche i profondi effetti che quell'evento ebbe sulla cultura europea.

M3 - Book

SN - 9788815240477

BT - La fine di Bisanzio

PB - Il Mulino

CY - Bologna

ER -